Dove sei: Prima pagina > Attualità > Modica > A Modica parte ... Continua
Attualità
MODICA - 07/08/2017
Si comincia da Marina di Modica, Frigintini e zone rurali

A Modica parte la differenziata con "Riciclino"

Sanzioni fino a 600 euro per chi viene sorpreso ad abbandonare rifiuti per strada
Duccio Gennaro
Foto

Si parte da Marina di Modica e si conclude con il centro storico. La raccolta differenziata prende il via in piena estate, nel segno della mascotte "Riciclino" (il castello dei conti, simbolo della città, stilizzato) e l’amministrazione conta di raccogliere già i primi risultati entro l’anno. Differenziare richiede organizzazione dei servizi, affidati alla Igm, ma anche la collaborazione dei cittadini-utenti che saranno chiamati ad attenersi a regole ben precise. Previsto un sistema premiante in termini di sgravi per chi differenzia secondo le indicazioni e le regole ma anche sanzioni fino a 600 euro, grazie anche all’uso di telecamere, per chi le disattenderà, come ha tenuto a precisare la responsabile dell´ufficio ecologia Vincenza Di Rosa.

LA CHIAVE PER OGNI UTENTE VOLTA A STANARE CHI NON PAGA LA SPAZZATURA
Tra le novità la dotazione di una chiave per ogni utente, registrato nel ruolo Tari, con la quale si potrà aprire il cassonetto per conferire il rifiuto organico. Le guide generali ed una campagna capillare di informazione saranno presto avviate per gli utenti perché quella che si avvia ad essere una rivoluzione nelle abitudini del conferimento dei rifiuti si concretizzi contribuendo così a rendere la città più pulita ma anche a risparmiare sui costi attuali. Scompariranno, infatti, i cassonetti dal centro storico e ci sarà un minor impatto ambientale, inoltre l’arredo di cui si doterà l’Igm per garantire il servizio diventerà di proprietà dell’ente non appena la gestione di durata settennale cesserà.

SI PUNTA AL RAGGIUNGIMENTO DEL 65% DI RACCOLTA ENTRO FINE ANNO
Il traguardo è il 65 per cento di differenziata da realizzare entro l’anno, che lo stesso sindaco Ignazio Abbate ritiene ambizioso se non altro per le difficoltà di conferire l’umido in discariche dedicate ma bisogna subito provarci visto che Modica tra i maggiori comuni iblei è quella più indietro. Ragusa ha iniziato da quattro anni, Vittoria, Comiso e Scicli sono già su questa strada.

CAMPAGNA INFORMATIVA "MODICA DIFFERENZIATI"!
«Modica Differenziati!» è la campagna che prende dunque il via ed è toccato ad Antonino Di Stefano, che ha elaborato il progetto su Modica, ed a Luana Zocco, responsabile della comunicazione dell’Igm Rifiuti Industriali, illustrare i vari passaggi. Gli obiettivi sono quello di ridurre la quantità dei rifiuti da smaltire in discarica, di avviare il riciclaggio dei materiali recuperabili come la carta, la plastica, il vetro, il metallo, il legno, in modo da valorizzarli come risorse e recuperare attraverso la produzione di compost la frazione organica e il verde.

LA CITTA´ SARA´ DIVISA IN 5 MACRO ZONE
Il territorio della città è diviso in cinque grandi aree zone ed ognuna avrà la sua tipologia di raccolta: in centro ed al Dente sarà itinerante con carrelli mobili che sosteranno per 60’ minuti in un’area individuata per consentire all’utente di poter confluire i rifiuti già selezionati tra umido e differenziata. Questa raccolta sarà fatta a giorni alterni di mattina e di pomeriggio. al Dente, Modica Alta e centro storico sarà utilizzato il sistema porta a porta, nelle frazioni e nelle campagne il sistema stradale con contenitori ubicati in precisi punti.

DUE LE ISOLE ECOLOGICHE DOVE CONFERIRE
A supporto del conferimento funzioneranno le isole ecologiche come centro di raccolta. La prima in fase di completamento è alla zona artigianale di Michelica, la seconda in attesa di autorizzazione a Piano Ceci per servire il quartiere Dente, Modica Alta ed il centro storico. Negli uffici del centro direzione di Michelica sarà attivato un eco sportello per accogliere l’utenza anche attraverso il contatto con un numero verde gli utenti e guidarli verso una raccolta corretta.

Nella foto da sx Vincenza Di Rosa, responsabile dell´ufficio ecologia, il sindaco Ignazio Abbate, Antonino Di Stefano e Luana Zocco della Igm

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882