Dove sei: Prima pagina > Attualità > Modica > "I soldi per ... Continua
Attualità
MODICA - 08/01/2018
Il sopralluogo di Falcone in contrada Zappulla

"I soldi per la Sr-Rg-Gela ci sono": parola di assessore

I lotti 6, 7 e 8 sono praticamente bloccati da luglio
Duccio Gennaro
Foto

"I soldi ci sono": parola di assessore. Marco Falcone, neo assessore alle opere pubbliche della giunta Musumeci ha rassicurato tutti e dettato i tempi per la ripresa dei lavori ai lotti funzionali 6,7 e 8 della Siracusa Ragusa Gela. L’assessore si è precipitato per un sopralluogo, alla luce della protesta dei lavoratori, dei sindacati e del rallentamento imposto ai lavori da parte del Cosige, consorzio che ha in appalto i lavori. «Abbiamo un fondo di 222 milioni – ha detto Falcone – e ne metteremmo a disposizione 22 subito per imprese subappaltatrici e Consorzio Cosige. La condizione sarà che dei 10 che erogheremo subito 8 milioni vadano alle imprese subappaltatrici e 2 alla Cosige. Gli altri dieci serviranno a pagare stati di avanzamento da un milione ciascuno secondo tempi ben definiti». Il sopralluogo dell’assessore Falcone, accompagnato dai parlamentari forzisti Pippo Gennuso, Orazio Ragusa e Nino Minardo, si è svolto in contrada Zappulla, dove da luglio ormai non si lavora, se non a singhiozzo e con tempi molto lenti, così come lungo gli altri lotti della Siracusa-Gela.

I lotti 6, 7 e 8 sono praticamente bloccati dalla scorsa estate e da ben 18 mesi le imprese subappaltatrici, come denunciato da un comitato spontaneo delle imprese, non ricevono soldi per i lavori completati e rischiano il fallimento, come hanno ribadito i diretti interessati nel corso del colloquio con Falcone. L’assessore, al di là delle rassicurazioni sui fondi da erogare e dei debiti da saldare da parte della Regione, è andato anche oltre perché ha fissato a febbraio 2019 l’apertura del primo lotto che da Rosolini arriva a Ispica. «Per noi i cantieri possono riaprire subito – ha concluso Falcone – visto che accrediteremo le somme a giorni. Tocca al consorzio ed alle imprese parlarsi e concordare il da farsi». Giovedì intanto l’assessore Falcone, insieme al direttore generale del Cas (Consorzio autostrade siciliane) sarà a Roma per avere l’autorizzazione dalla Cosige per pagare direttamente i fornitori in modo che i lavori riprendano subito. Se son rose fioriranno.

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882