Dove sei: Prima pagina > Attualità > Modica > Il premio "Luce ... Continua
Attualità
MODICA - 07/11/2018
La seconda edizione della manifestazione è stata ospitata a Palazzo Grimaldi

Il premio "Luce Iblea 2018" va ad Alessio Mamo

Il fotografo ha sostenuto campagne umanitarie ed ha inaugurato la mostra «L’ospedale di tutte le Guerre»
Duccio Gennaro
Foto

È stato il fotografo Alessio Mamo (nella foto con Marcella Burderi) a ricevere il «Premio Luce Iblea 2018». Giunto alla sua seconda edizione, il premio è ospitato a Palazzo Grimaldi ed è stato organizzato dal gruppo fotografico «Luce Iblea» in sinergia con la «Fondazione Grimaldi». Alessio Mamo, da sempre vicino alle campagne umanitarie di «Medici senza Frontiere», ha personalmente inaugurato la propria mostra «L’ospedale di tutte le Guerre» che contiene opere piene di contrasti in cui il visitatore viene invitato ad una riflessione profonda. «Anche quest’anno – commentano Renato Iurato e Marcella Burderi, rispettivamente presente e vicepresidente dell’associazione Gruppo Fotografico Luce Iblea – Abbiamo avuto la possibilità di poter contare sulla presenza di importanti fotografi ma anche l’opportunità, per tanti fotografi iblei, di partecipare ai workshop e di mettere in mostra le proprie fotografie all’interno della manifestazione ormai istituzionalizzata, Premio Luce Iblea».

Precedentemente al momento della premiazione, il fotoreporter Alessio Mamo ha tenuto il proprio workshop «Dallo scatto alla pubblicazione: il lavoro del fotogiornalista» che ha permesso a tutti i partecipanti di addentrarsi nelle tecniche del fotoreportage dei nostri tempi. La manifestazione si è svolta in due fine settimana. Il primo fine settimana era stato caratterizzato dal workshop «Percezione Visiva, Linguaggio e Composizione Fotografica» con Michele Di Donato. La giornata successiva è stata invece caratterizzata dal momento della lettura portfolio aperta gratuitamente a tutti i fotografi professionisti e fotoamatori che hanno sfruttato l’occasione di mostrare il proprio impegno a professionisti tra i quali spiccavano lo stesso Alessio Mamo e il critico della fotografia Pippo Pappalardo.

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882