Dove sei: Prima pagina > Attualità > Santa Croce Camerina > Studenti "appiedati" ... Continua
Attualità
SANTA CROCE CAMERINA - 15/09/2018
L´opposizione ha enfatizzato il caso

Studenti "appiedati" il primo giorno di scuola per guasto al pullman

Il costo del trasporto è al momento tutto a carico degli alunni pendolari
Federico Dipasquale
Foto

Se non fosse che il fatto è accaduto realmente si potrebbe commentare che il primo giorno di scuola... si è giunti impreparati. Non gli studenti, ma la società che effettua il servizio di trasporto scolastico da Santa Croce a Ragusa. Un pullman che accompagnava infatti gli studenti alle scuole medie superiori a Ragusa, partito in orario il primo giorno di scuola, proprio all’uscita della cittadina nella strada in salita di Malavita si è bloccato e non ne ha voluto sentire di ripartire. L’autista ha chiamato la ditta che ha inviato un altro pullman riuscendo ad accompagnare gli studenti santacrocesi alle scuole di Ragusa dove sono arrivati però in ritardo. Il consigliere comunale di Diventerà Bellissima e il Circolo Meridiana hanno enfatizzato l’accaduto con una nota, non senza additare prima all’amministrazione comunale la spesa per i pullman che è a carico degli studenti fino a tutto settembre: «L’estate volge al termine ed è tempo di rientro dalle vacanze per quanti hanno finito le ferie e tornano a lavoro ed è tempo di rientro anche per i nostri ragazzi tra i banchi di scuola. A proposito dei nostri ragazzi – sottolinea ironicamente la Zago -, ci viene da pensare che forse i nostri amministratori, che pure si dicono tanto vicini e sensibili al tema della scuola, alle problematiche ad essa inerenti ed agli interessi degli studenti, abbiano un attimino perso il senso del tempo.

Ci chiediamo questo perché i nostri ragazzi pendolari che frequentano le scuole medie superiori viaggiano pagando per intero l’abbonamento per i viaggi in pullman e a detta della responsabile della ditta dei trasporti, forse la convenzione col Comune partirà dal mese di ottobre e non si sa ancora in che percentuale il Comune contribuirà con le famiglie per sostenere tale spesa. Ci chiediamo infine - conclude Zago - alla luce di quanto accaduto mercoledì 12 settembre, primo giorno di scuola, se il Comune effettua dei controlli o per lo meno chiede alla ditta dei trasporti un resoconto sullo stato dei mezzi sui quali viaggiano i nostri ragazzi».

Immagine di repertorio

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882