Dove sei: Prima pagina > Cronache > Ragusa > La 66enne Maria ... Continua
Cronache
RAGUSA - 11/10/2018
E´ successo in via Gian Battista Odierna, in pieno centro storico

La 66enne Maria Zarba trovata senza vita in casa con la testa fracassata e in una pozza di sangue

La strada è stata chiusa al traffico
Antonio Di Raimondo
Foto

E´ giallo a Ragusa sull´efferato omicidio della donna ragusana di 66 anni, Maria Zarba, trovata morta in casa sua con la testa fracassata e in una pozza di sangue. Si tratta difatti di un omicidio commesso con una certa violenza, come precisato dalla polizia che sta conducendo le indagini. Ancora da accertare il movente di questo femminicidio che ha scosso il capoluogo ibleo: gli inquirenti non tralasciano nessuna pista. La macabra scoperta è stata fatta intorno alle 20 dal nipote della vittima in una abitazione di via Gian Battista Odierna, nei pressi della via San Vito, in pieno centro storico. Il giovane, che era andato a far visita alla vittima, l´ha trovata esanime sul pavimento.

Dopo il primo momento di shock ha chiamato i soccorsi, ma il personale paramedico dell´ambulanza non ha potuto fare altro che constatare il decesso della 66enne, che, come accennato, presentava il cranio fracassato. La strada è stata transennata e chiusa al traffico (foto) e sul posto si sono recati il medico legale per l´ispezione cadaverica e il pubblico ministero di turno della procura di Ragusa che sta coordinando le indagini. Quando il nipote della vittima l’ha trovata in quello stato, in casa non c’era nessun altro.

Il marito della donna uccisa, all’oscuro dell’accaduto dal momento che non viveva da tempo con la vittima, è stato rintracciato e successivamente condotto negli uffici della questura per essere ascoltato. Preziose si riveleranno difatti le informazioni sugli ultimi istanti di vita della donna per far luce sulla morte violenta. A questo proposito gli inquirenti hanno sentito anche gli altri parenti e amici stretti della donna per delineare il quadro probatorio e stabilire un movente. Maria Zarba una donna dall’indole mite, sempre disponibile con il prossimo. Era molto nota e benvoluta nel quartiere anche perchè da anni svolgeva la funzione di ministro straordinario della comunione in parrocchia, di cui era una assidua frequentatrice.

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882