Dove sei: Prima pagina > Politica > Modica > Dibattito su debiti ... Continua
Politica
MODICA - 08/10/2018
La palla di ferro al piede dell’amministrazione

Dibattito su debiti fuori bilancio e approvazione strumento

Con 17 favorevoli e 4 contrari
Duccio Gennaro
Foto

I debiti fuori bilancio restano ancora la palla di ferro al piede dell’amministrazione. Anche il Bilancio triennale 2018-2020 è gravato da debiti che bisognerà onorare e che impediranno, o almeno creeranno difficoltà nell’affrontare la gestione ordinaria dell’ente. Il dibattito sul Bilancio in consiglio comunale ha ancora una volta posto maggioranza ed opposizione a muso duro. L’opposizione non ha votato l’atto e ha parlato senza mezzi termini di palesi incongruenze e di mancanza di coerenza anche facendo riferimento al Piano delle Opere pubbliche di cui non si conoscono tutte le coperture finanziare. Altro punto rilevato dall’opposizione è la permanente incapacità dell’ente di riscuotere i crediti dovuti per i servizi erogati ai cittadini. Sono quasi 30 milioni nel triennio che si sommano ad un indice di indebitamento, che seppur migliorato rispetto alle precedenti annualità, resta su una media del 5 per cento.

L’assessore al Bilancio, Maria Aiello, dal suo canto, ha parlato del dato inequivocabile che riguarda la riduzione del costo del personale e di un lieve calo dell’indice di indebitamento ed ha ribadito che lo strumento finanziario si muove nell’ambito delle indicazioni a suo tempo fornite dalla Corte dei conti in sede di elaborazione del Piano di risanamento finanziario dell’ente. Il Piano è stato approvato con i 17 voti della maggioranza e i 4 no dell’opposizione.

APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE: LA VISIONE DEL SINDACO
Intanto giovedì scorso è stato approvato il Dup Bilancio di Previsione 2018-2020 con 17 favorevoli e 4 contrari. Secondo quanto riferito da palazzo San Domenico, il bilancio rispetta i vincoli di legge, ovvero il pareggio generale di bilancio, l’equilibrio di parte corrente e parte capitale e il rispetto dei vincoli di indebitamento. "Per l’anno 2018 - dice il sindaco Ignazio Abbate - la manovra di bilancio presenta un piano di spesa di 74.648.161,01 euro a fronte di entrate per 79.413.456,21. Il Piano di investimenti per un importo di 13.497.874,41 rispetta il Piano Triennale delle opere pubbliche e il completamento degli investimenti già avviati.

La previsione delle entrate rispetta la copertura della quota di disavanzo programmata per l’anno 2018-2019-2020 nonché la copertura della quota di rimborso di mutui e prestiti. Per le annualità 2019-2020 la manovra di bilancio è fortemente orientata alla realizzazione degli investimenti previsti nel piano delle opere pubbliche per le medesime annualità. In tale manovra è interamente programmata - conclude il primo cittadino - la realizzazione delle opere e degli investimenti previsti oltre che nel piano delle opere pubbliche nel programma di mandato". Dunque una visione decisamente più rosea, quella del sindaco, rispetto a quanto emerso dall´ultima seduta del consiglio tra i banchi delle opposizioni.

Nella foto palazzo San Domenico, sede del municipio

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882