Dove sei: Prima pagina > Sicilia > Palermo > Conti in rosso ... Continua
Sicilia
PALERMO - 06/01/2018
Il presidente Nello Musumeci lancia l’allarme

Conti in rosso in Sicilia. La situazione è critica

Vengono pagati interessi per 360 milioni
Duccio Gennaro
Foto

Conti in rosso. I dodici aggi cui il presidente della Regione si è affidato per conoscere la situazione economica finanziaria della Sicilia hanno stilato un rapporto preoccupante. La Regione ha un disavanzo di quasi sei miliardi ed il presidente Nello Musumeci lancia già l’allarme e prefigura i prossimi scenari: «Prenderemo ogni iniziativa per contrarre la spesa pubblica, eliminare gli sprechi e rendere più trasparenti i conti, lavoreremo per il risanamento dell´ente e perché siano aumentati gli interventi per la crescita e lo sviluppo del territorio. Per i prossimi tre anni niente illusioni e pensiamo a risanare". Oltre al disavanzo la Regione ha un indebitamento di otto miliardi sui quali ogni anno vengono pagati interessi per 360 milioni. Alessandro Baccei, assessore all’Economia del governo Crocetta non ci sta: «Numeri conosciuti e sostanzialmente esatti, ma spiegati in modo surreale e soprattutto sbagliato. Il disavanzo di sei miliardi deriva dalla cancellazione di entrate gonfiate messe a bilancio dai precedenti governi e dalla famosa operazione di valorizzazione immobiliare di Lombardo e Armao.

Gli otto miliardi di indebitamento - prosegue Baccei - sono gli stessi che abbiamo trovato al nostro arrivo. Ma con la differenza che adesso ci sono i soldi per pagare gli interessi ogni anno. Pagare 360 milioni l’anno per una Regione che ha un bilancio di 13 miliardi è come pagare una rata di 500 euro per uno che ha diecimila euro di stipendio. I conti li ho lasciati in ordine – conclude Baccei – tutto il resto sono fantasiose interpretazioni».

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882