Dove sei: Prima pagina > Sicilia > Palermo > In Sicilia utenti ... Continua
Sicilia
PALERMO - 17/09/2018
La Regione siciliana ha dato il via libera grazie all´accordo con i sindacati

In Sicilia utenti avranno Fascicolo sanitario elettronico

Sarà ricostruito anche un profilo sanitario sintetico che copre l´intero arco della vita
Duccio Gennaro
Foto

La storia sanitaria in un fascicolo elettronico. Prescrizioni farmaceutiche, referti, informazioni sulle esenzioni dal ticket, prescrizioni specialistiche, saranno contenute nel fascicolo sanitario elettronico dove sarà ricostruito anche un profilo sanitario sintetico di ogni utente che copre l´intero arco della sua vita e semplifica la comunicazione tra medico e assistiti. Saranno i medici dell’assistenza primaria, medici di famiglia e pediatri di libera scelta, ad occuparsi di trasferire i dati di base del profilo sanitario dell’assistito nel Fascicolo sanitario, ma questo potrà avvenire solo dopo che l’interessato avrà prestato il proprio consenso informato. Il Fascicolo consentirà di liberarsi del cartaceo, di poterne usufruire per via telematica anche lontano da casa ed in altre regioni in caso di ricovero perché non sarà più necessario portare con sè. La Regione siciliana ha dato il via libera al Fascicolo sanitario grazie alla firma del protocollo d’intesa tra l’assessorato alla Salute e le organizzazioni sindacali Smi, Snami, Fimmg, Intesa sindacale, Fimp e Cipe che definisce le modalità per la sua attivazione e la diffusione.

«Iniziamo così ad avviare un progetto che era rimasto allo studio per anni e a dare corso concretamente al cronoprogramma delle iniziative per la salute annunciate in Agenda digitale - ha affermato l’assessore alla Salute, Ruggero Razza- Si tratta di un nuovo e più completo sistema di gestione delle informazioni cliniche e contiamo, con l´aiuto dei cittadini che potranno prestare liberamente il consenso per la raccolta dei loro dati, di raggiungere entro 24 mesi il 50% di fascicoli sanitari attivati, per circa 2 milioni e mezzo di residenti in Sicilia». Il primo obiettivo a breve periodo, entro il 30 giugno del 2019, è l’attivazione e l’alimentazione dei fascicoli da parte dei medici dell’assistenza primaria, per circa 500 mila assistiti, il 10% nell´Isola, per arrivare entro un biennio al 50%, circa due milioni e mezzo di utenti.

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl P.Iva: 01404940882