Dove sei: Prima pagina > Sport > Ragusa > Passalacqua, esordio ... Continua
Sport
RAGUSA - 11/10/2017
Basket, Eurocup: alla City Arena della cittadina magiara prestazione da incorniciare

Passalacqua, esordio col botto in Ungheria. Le biancoverdi vincono con +18 su Ksc Szekszard

Partita sempre in mano alle ragusane con Hamby, Formica e Ndour al top. Kuster miglior realizzatrice
Duccio Gennaro
Foto

Ksc Szekszard -Passalacqua Ragusa: 56-74 (10-25, 25-34, 36-54)
Passalacqua Ragusa: Consolini 2, Gorini 7, Hamby 14, Kuster 18, Ndour 16; Valerio, Formica 12, Soli 5, Bongiorno


Non poteva esserci esordio migliore per la Passalacqua. Alla City Arena di Szekszard davanti ad un migliaio di spettatori le biancoverdi (foto) hanno ottenuto un rotonda vittoria sulle ungheresi di casa. Ben 18 punti di divario a fine gara a conferma di una supremazia che è apparsa evidente sin dall’inizio. Le statistiche dicono che Ragusa ha prevalso nei tiri da 3 con un ottimo 66% di percentuale ed anche da 2. Bene anche in difesa dove Hamby e Ndour e Formica si sono fatte valere. Kuster è stata la migliore realizzatrice della gara con i suoi 18 punti. Grazie all’americana Ragusa ha preso il volo già nel primo quarto andando sull’8-20 dopo 6’, allungando a 10-25 a chiusura di tempo. Nel secondo quarto rinviene il quintetto ungherese che ha avuto in Mac Call e Balint le migliori realizzatrici. Gara sempre in mano alle biancoverdi anche nel terzo tempo quando prevale la migliore freschezza delle ragusane.

Felice del successo coach Ganni Recupido: «Abbiamo giocato molto meglio di domenica scorsa, per la forza dell’avversario che è squadra profonda, che ha un grande attacco, e l’abbiamo tenuta a 56 punti e questo deve diventare il nostro marchio di fabbrica. In attacco abbiamo fatto benissimo nel primo quarto con 25 punti con tutte davvero molto bene e in fiducia, tanto che a un certo punto ho avuto difficoltà a farle ruotare perché stavano giocando tutte bene. Oltre a chi ha segnato tanto una menzione per Consolini che si è spesa tanto in difesa e ha fatto tanti buoni passaggi che non sono proprio nel suo dna. Ovviamente hanno speso tutte tanto per la grande fatica in difesa, adesso dovremo essere bravi a recuperare anche per i pochi allenamenti e a sfruttare proprio queste partite per fare esperienza».

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882