Dove sei: Prima pagina > Sport > Ragusa > Passalacqua parte ... Continua
Sport
RAGUSA - 13/01/2019
Basket, A1: Formica deve uscire per infortunio, esordio di Romeo

Passalacqua parte bene ma affonda a Venezia. Il finale è disastroso

Il terzo tempino decisivo per le sorti finali del match
Duccio Gennaro
Foto

Reyer Venezia-Passalacqua Ragusa: 72-60 (16-23, 39-35, 58-41)

Reyer Venezia: Anderson 7, Bestagno, Carangelo 7, De Pretto 3, Steinberga 27; Kacerik 10, Gorini 8, Carangelo 7, Gulich 10

Passalacqua Ragusa: Cinili 10, Harmon 10, Hamby 23, Kuster 9, Soli; Romeo 5, Consolini, Formica 2, Gianolla


Il big match del PalaTaliercio è della Reyer Venezia. La Passalacqua colleziona la quarta sconfitta stagionale che ci può stare contro la capolista ma non con le modalità con cui è maturata. Un disastroso terzo tempino (19-6) consegna alle lagunari una partita che era cominciata bene per le biancoverdi. Poi il black out finale anche perché Venezia fa valere la forza fisica ed una difesa organizzatissima che blocca sul nascere le iniziative di Hamby, ma soprattutto di Kuster ed Harmon (foto), sempre in difficoltà nella marcatura della lettone Steinberga (27 punti e 12 rimbalzi) che ha trascinato alla vittoria le padrone di casa.

La Passalacqua era riuscita ad andare avanti nel primo tempino, ben 23 punti con + 7 di vantaggio, grazie alla velocità ed alla circolazione di palla che ha messo in difficoltà il quintetto di Liberalotto. Hamby (23 punti e 12 rimbalzi) non sbaglia un colpo e Steinberga è contenuta perché vede pochi servizi. L’inerzia cambia già nel secondo quarto perché il coach veneziano riorganizza la difesa e ordina il pressing. Venezia risale, recupera e va avanti di 4 punti all’intervallo lungo. La partita sarebbe ancora aperta ma nei 10’ del terzo quarto Ragusa riesce a totalizzare la miseria di 6 punti contro i 19 delle lagunari. Innumerevoli gli errori sotto canestro, Steinberga è incontenibile e carica di falli Harmon, esce allo scoperto anche l’ex Gorini che si permette la bellezza di due triple da difficile posizione. La Passalacqua arranca anche dal punto di vista fisico. Formica non c’è perché un duro colpo subito da una compagna di squadra le fa perdere un dente con conseguente perdita di sangue, l’ingresso dell’esordiente Romeo è ininfluente e Venezia vola verso la vittoria. Contro Schio la prossima domenica al PalaMinardi ci vorrà ben altro.

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882