Dove sei: Prima pagina > Sport > Santa Croce Camerina > Per il S. Croce ... Continua
Sport
SANTA CROCE CAMERINA - 24/09/2018
Calcio, Promozione/B: una domenica storta per i ragazzi di Lucenti

Per il S. Croce un brutto risveglio dopo la batosta con Vigliatore

Trai biancazzurri tanta voglia di riscatto a cominciare da domenica contro Atl. Catania
Federico Dipasquale
Foto

Brutto risveglio per il Santa Croce dopo la batosta rimediata in campo esterno contro il Terme Vigliatore che ha travolto la formazione biancoazzurra per 6-0. Ad una attenta analisi della sconfitta il largo punteggio a sfavore non è detto sia ascrivibile interamente alla differenza di valori tra le due formazioni, sebbene l’undici messinese ha avuto un avvio di campionato perentorio tanto che, dopo 3 giornate, è capolista solitaria avendo battuto Marina di Ragusa e Santa Croce e aver pareggiato contro la «corazzata» Palazzolo, pronosticata fra le possibili vincitrici del torneo. La qualità quindi della squadra avversaria ci sta tutta ma la formazione di Lucenti è comunque incappata in una giornata pessima per approccio sbagliato alla gara, incapacità di gestire lo svantaggio, nervosismo per reazione ad alcune decisioni arbitrali sfavorevoli e, non ultimo, mentalità ancora inadatta al nuovo campionato. Niente è perduto, anzi. La batosta può, se viene saputa maturare, creare le premesse perché i ragazzi allenati da Lucenti possano reagire e ritrovare gli stimoli giusti e la giusta emotività.

Il vice presidente Fabrizio Arestia prova ad analizzare la gara. «Sono più che convinto che la sconfitta è il frutto di una giornata storta che a mio parere ci può stare –osserva il dirigente biancoazzurro– Bisogna però fare tesoro degli errori commessi e rimettersi subito in carreggiata. La squadra nelle prestazioni precedenti ha dimostrato di non essere quella vista a Terme Vigliatore. Abbiamo pagato pesantemente un brutto approccio alla gara e una serie di errori grossolani. Potevamo raddrizzare la gara se il direttore di gara, non all’altezza a mio parere di dirigere una gara di Eccellenza, ci avesse concesso un rigore sacrosanto sull’1-0 ma non dobbiamo cercare attenuanti e bisogna evitare adesso di fare drammi perché siamo ancora alla terza giornata di campionato e tutto si può rimediare. Dobbiamo, invece, lavorare tanto e sfruttare questa gara per non cadere negli stessi errori. Sabato prossimo sarà di nuovo campionato e giocheremo sul nostro terreno di gioco contro l’Atletico Catania che è una nostra diretta concorrente per la salvezza. Il nostro campionato inizierà proprio sabato prossimo e sono convinto che i ragazzi si rifaranno facendo una buona prestazione che cancellerà ogni delusione».

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882