Dove sei: Prima pagina > Sport > Santa Croce Camerina > S. Croce contro ... Continua
Sport
SANTA CROCE CAMERINA - 27/09/2018
Calcio, Eccellenza/B: al "Kennedy" si attende il riscatto dei biancazzurri

S. Croce contro Atl. Catania per dimenticare batosta con Vigliatore

Il tecnico recupera Alma, Tomaino e Scerra ma mancherà Leone per squalifica
Federico Dipasquale
Foto

Il Santa Croce prova a buttarsi alle spalle la brutta batosta di domenica scorsa e riprendere la strada di un campionato di buon livello che porti verso la salvezza. L’occasione per l’undici allenato da Lucenti è rappresentato dalla gara interna di sabato pomeriggio contro l’Atletico Catania. I catanesi dopo lo stop interno alla prima giornata di campionato contro lo Scordia sembrano essersi ripresi, inanellando due buoni risultati contro il Milazzo e lo Jonica. Proprio contro quest’ultimi, domenica scorsa, gli etnei hanno vinto in modo sonante e si può scommettere che tecnico dei rossoblù, Richichi, proverà a spronare i suoi uomini a far bene anche a Santa Croce.

Dall’altra sponda Lucenti sarà privo del suo bomber Ciccio Leone, appiedato da un turno di squalifica, ma avrà nuovamente a disposizione capitan Alma, la punta Scerra e il giovane centrocampista Tomaino, assenti domenica per problemi fisici. Il trainer camarinense in settimana ha parlato a lungo con i suoi uomini e da loro pretende un segno chiaro che la sconfitta di domenica scorsa è stata solo il frutto di una giornata storta. Uno sprono importante è arrivato anche dai vertici societari che sperano in una prova positiva della squadra.

«Stiamo pagando a caro prezzo lo scotto dell’ambientamento al nuovo campionato –rileva il copresidente Giuseppe Micieli– Dobbiamo lasciarci alle spalle il passato e calarci nel presente che ci vede come matricola in un campionato dai valori tecnici superiori rispetto ai campionati giocati in precedenza. I nostri obiettivi sono cambiati e fra i primi c’è quello di raggiungere presto la salvezza, cercando di evitare i play out. Per far ciò dovremo avere una mentalità da squadra operaia che oltre al bel gioco deve pensare, soprattutto, a non prenderle e a conquistare quanti più punti possibile. Contro l’Atletico Catania mi auguro di vedere un Santa Croce combattivo e assetato di punti e undici giocatori che corrono per novanta minuti alla ricerca di una vittoria scaccia crisi. Spero che lo stadio si riempia di tifosi che incitino la squadra e la spingano verso la vittoria».

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882