Dove sei: Prima pagina > Sport > Santa Croce Camerina > S. Croce: scontro ... Continua
Sport
SANTA CROCE CAMERINA - 11/01/2019
Calcio, Eccellenza/B: i biancazzurri reduci dalla sconfitta interna con il Palazzolo

S. Croce: scontro salvezza con la Jonica a S. Teresa Riva

Recuperati gli attaccanti Leone e Di Rosa, in forse il centrocampista Evola
Federico Dipasquale
Foto

Il Santa Croce si ributta nel campionato. La seconda giornata del girone di ritorno riserva ai biancazzurri la difficile trasferta di Santa Teresa di Riva contro i giallorossi dello Jonica. La gara sarà un autentico scontro diretto fra due compagini che lottano per lo stesso obbiettivo che è quello della salvezza. Entrambe le formazioni sono alla ricerca di punti e i locali, nonostante giocheranno a porte chiuse, vorranno sfruttare il fattore campo nel duplice aspetto di partita in casa e di adattamento alla terra battuta. Da sempre infatti il Santa Croce, vista la composizione di giocatori tecnici in squadra, hanno sempre sofferto il campo in terra battuta, sebbene l’ultima volta che ha giocato in un terreno senza erba naturale o sintetica, a Giarre, la formazione di Lucenti è uscita vittoriosa. Il tecnico per la gara recupera gli attaccanti Leone e Di Rosa, ma potrebbe non avere a disposizione il centrocampista Evola, alle prese con un fastidio muscolare.

«Dobbiamo rialzarci subito dalla sconfitta subita sabato scorso contro il Palazzolo –sostiene il presidente Giuseppe Micieli– Affrontiamo una squadra insidiosa ma, nonostante tutto, non temiamo nessuno. I ragazzi in settimana hanno lavorato bene e andremo a Santa Teresa di Riva con l’obiettivo di fare bene e conquistare più punti possibili. La nostra squadra è abituata a giocarsela contro tutti, naturalmente quando ci sono le condizioni giuste, sia ambientali che sportive. Spero, infatti, di non assistere più allo «scempio» accaduto sabato scorso, quando il direttore di gara ha letteralmente deciso le sorti del match. Lo spettacolo visto in campo contro il Palazzolo –rileva Micieli- non fa bene al movimento del calcio che deve rimanere sano e soprattutto credibile. La nostra società ancora crede nella buona fede delle istituzioni e, nonostante abbiamo subìto un grande torto, non ci siamo lasciati andare a reazioni scomposte. Il far play è nel Dna di questa società e fin quando ci sarà questa dirigenza a Santa Croce posso garantire che nessuno si lascerà andare ad azioni sconvenevoli. Detto questo – conclude il presidente biancoazzurro – il nostro pensiero è rivolto alla gara di domenica, nella speranza di portare a casa un buon risultato». La gara si giocherà allo stadio Comunale di Santa Teresa di Riva e avrà inizio alle ore 14.30.

Versione classica di Corrierediragusa.it
Corriere di Ragusa Srl – P.Iva: 01404940882